LE PAGELLE: BENISSIMO ROVERE E SCARSINI
Domenica, 23 Aprile 2017 18:26

LE PAGELLE: BENISSIMO ROVERE E SCARSINI

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)
Micelli autore del gol dell'1 a 1 (foto A. Cella) Micelli autore del gol dell'1 a 1 (foto A. Cella)

NUTTA non deve fare miracoli, ma gli interventi che fa sono tutti importanti. La doppia parata poco prima del nostro vantaggio è il punto dove gira il match.

F. ROVERE uno dei migliori, se non il migliore di nostri. In difesa sbaglia poco o forse niente e in fase di appoggio è lucido e preciso. E’ lui che uscendo palla al piede e a testa alta avvia l’azione che porterà al pareggio.

G. FALESCHINI partita senza infamia e senza lode, nel senso che se ne sta tranquillo sulle sue senza grandi acuti ma anche senza strafalconi.

CRISTOFOLI aumenta il peso specifico del reparto offensivo e in occasione del gol del vantaggio la sua caduta prima di impattare sul pallone ha il merito di favorire la conclusione di De Crescenzo.

PAOLUCCI non ha il piede ispirato come al solito e gioca la classica partita di posizione. Però è utilissimo nel dare disposizioni ai compagni, suggerendo loro cosa fare, dove mettersi e via dicendo.

MUFFATO spazza il poco che c’è da spazzare e va in affanno solo in un paio di circostanze. Balzano è un brutto cliente, uno che fa molto movimento: il “Muf” è bravo a non farsi portare troppo lontano dall’area.

CISOTTI buona partita del “Ciso”. Sopperisce ai limiti di intensità con un discreto senso della posizione, mettendo anche qualche buon pallone in verticale.

MICELLI corre molto e a dovere, allungando la squadra dalla sua parte ed offrendo sempre una soluzione al compagno con la palla. Sul gol del pari è bravo a capire lo sviluppo dell’azione.

SCARSINI contende a Rovere il titolo di migliore in campo. La solita grinta e la solita, ferrea, applicazione. Sdradica palloni importanti dai piedi avversari e non disdegna di darsi da fare anche in avanti.

DE CRESCENZO a volte ha il vizietto di volere strafare un po’, abusando della tecnica di cui è in possesso. Corre molto (finisce infatti esausto) e quindi ogni tanto perde un po’ di lucidità. Poi però se si guarda il tabellino ci si accorge che fornisce l’assist del gol di Micelli e sigla quello della vittoria. Decisivo, insomma.

POLETTINI porta le … bombole d’ossigeno a De Crescenzo per gli ultimissimi minuti.

GREGORUTTI corre e si impegna non tirando mai indietro la gamba. Prova un paio di fendenti dalla distanza col pallone che sibila comunque vicinissimo ai pali del gigantesco Calligaro. Determinante in occasione del gol del 2 a 1.

D. FALESCHINI gli manca un po’ di pelo sullo stomaco e quella “cattiveria” agonistica che si fa col tempo. A volte sembra un pochino timoroso e fa male, perché quando prende coraggio e prova la sortita lo fa discretamente bene.

Letto 438 volte

Lascia un commento

Il commento viene pubblicato successivamente all'autorizzazione del webmaster

UA-54400219-1