CLASSIFICA
NOTIZIE
Team
Points
1 Primorje 16
2 Pro Gorizia 14
3 Tolmezzo Carnia 11
4 Valnatisone 11
5 Pro Cervignano M. 10
6 Costalunga 9
7 Juventina S.Andrea 9
8 Pro Romans Medea 9
9 Vesna 7
10 ISM Gradisca 7
11 Tarcentina 7
12 Fulgor 6
13 Zaule Rabuiese 5
14 Aurora Buonaquisto 4
15 Trieste Calcio 3
16 Sistiana Sesljan 2
ULTIMO TURNO
15-10-2017
 
Tolmezzo Carnia 0 : 0 Vesna
PROSSIMO TURNO
22-10-2017
 
Juventina S.Andrea - Tolmezzo Carnia
ALTRE NOTIZIE
IMMAGINI
Facebook Image
Massimo Di Centa

Massimo Di Centa

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sabato 23 settembre sarà una giornata particolare per la nostra società che ricorderà Marco Bortoletto, il giovane scomparso nel 2009 dopo una malattia. La manifestazione, giunta al’8.a edizione, vivrà momenti di particolare emozione nel ricordo dello sfortunato ragazzo, con tutti i suoi compagni di squadra di allora che sicuramente non perderanno l’occasione per ritrovarsi.

Il torneo è riservato alla categoria pulcini con squadre da 7 suddivise in 2 gironi:

GIRONE A

Tolmezzo (A)

Mobilieri Sutrio

Nuova Osoppo

Quello che è stato definito l’anno zero parte proprio da zero o più precisamente dall’1 a 0 rimediato nella prima partita ufficiale dal nuovo Tolmezzo targato Veritti: la Pro Romans Medea ci batte con un gol all'alba del match, quando qualcuno dei nostri, probabilmente, era ancora con la testa negli spogliatoi ...  Il campo ha espresso un verdetto (sulla cui definitività aspettiamo però la gara di ritorno) ma la realtà ha detto anche cose meno amare, perché  a volte bisogna anche saper guardare oltre il risultato soprattutto quando un processo è appena all’inizio. Cominciamo allora dalle cose che funzionano meno:  la difesa un po’ distratta, per esempio, che ha sofferto un po’ sulle palle inattive e su qualche situazione di lanci lunghi. La tendenza  a portare palla nel mezzo quando sarebbe stato preferibile aumentare la velocità del giro palla che quando è stato fluido e rapido ha anche lasciato intravedere buoni sviluppi della manovra. L’attacco un po’ spento, che quasi mai ha prodotto situazioni di pericolo per i nostri avversari. Su questi aspetti dovrà lavorare Ivan Veritti, partendo però anche da alcuni aspetti positivi che vale davvero la pensa di sottolineare.

  1. la tendenza a cercare di giocare sempre la palla, affidandosi ai lanci lunghi solo quando non era il caso di rischiare;
  2. la tenuta fisica. La squadra ha corso fino all’ultimo minuto, dando l’impressione di non accusare cali.
  3. Il pressing organizzato. Non si vedevano giocatori partire all’attacco isolati per cercare di conquistare la palla,  ma c’era sempre una movimento sincronizzato, naturalmente suscettibile di un ulteriore miglioramento.

Se poi il mercato regalerà un giocatore esperto in difesa o in mezzo al campo Veritti farebbe salti di gioia … Nascondersi la realtà che non sarà una stagione semplice non sarebbe giusto. Da queste parti tutti lo sanno e per questo squadra e società hanno bisogno di sentire l’affetto e il sostegno della gente. Al netto delle polemiche che hanno caratterizzato il dopo retrocessione e delle quali non è questa la sede in cui parlare, crediamo che i nostri ragazzi abbia fatto piacere una buona presenza sugli spalti del “Fratelli Ermano”. I nostri ragazzi sono tali nel vero senso della parola, perché sono carnici o comunque provenienti dal settore giovanile. In un momento storico in cui la società ha fatto e sta facendo i salti mortali per ovviare a problemi economici mica indifferenti, puntare sul senso di appartenenza è un buon investimento. Criticare la società è un diritto di chi viene allo stadio, ma la critica deve essere costruttiva ed intellettualmente onesta, non fatta tanto per fare. Perché questa società, quelle che ci sono state e quelle che ci saranno sono passate e passeranno. Quello che resta è il Tolmezzo, con la sua storia secolare ed è questo che la gente deve capire. E avrebbero dovuto capirlo anche quei giocatori che la scorsa stagione hanno contribuito in maniera importante a retrocedere e quest’anno hanno salutato la compagnia. Bello il messaggio lanciato da Ivan Veritti nell’intervista posta partita. Il tecnico ha detto che ha accettato di guidar la squadra pur essendo a conoscenza delle difficoltà perché ha il Tolmezzo nel cuore, detto così senza retorica e giri di parole.

Eccoci qua ... Questo per me è un giorno triste: dopo 7 indimenticabili anni ho preso la decisione di concludere la mia avventura con i colori rosso-azzurri e di intraprendere una nuova esperienza calcistica.  Non è stato per nulla semplice prendere questa decisione, ma ho dovuto farlo prima di tutto per una serie di problematiche legate al mio lavoro e poi perché penso sia arrivato il momento  di affrontare nuove sfide. E’ difficile, quasi impossibile, trovare le parole per descrivere tutte le gioie (tante), i dolori e i momenti difficili che ho provato in questi anni, ma  posso assicurare che rimarranno indelebili nel mio cuore. In Carnia ho conosciuto persone  speciali con le quali ho creato un forte legame fin da subito che mi ha fatto sentire sempre "uno di loro".Vorrei ringraziare di cuore tutta la Società, il presidente Lomuscio e tutte le persone che hanno fatto parte di questa grande famiglia, per avermi dato la fiducia e la possibilità di crescere  calcisticamente, ma soprattutto dal punto di vista umano. Un ringraziamento speciale va  a tutti gli "ultras" che in questi anni sono sempre stati accanto alla squadra nel bene e nel male,  che mi hanno sempre dimostrato il loro  affetto e calore: ragazzi, non vi dimenticherò mai!Grazie a tutti i miei compagni di squadra: insieme abbiamo condiviso momenti speciali, che mai e poi mai dimenticherò.Vorrei fare un  grosso in bocca al lupo a quelli che rimangono ed ai miei amici Enzo Zearo e Fausto Barburini per la nuova avventura che stanno per intraprendere: sono sicuro che insieme a tutti quelli che hanno lavorato benissimo finora per tanti anni, riporteranno il Tolmezzo là dove merita di stare. Per me è motivo d'orgoglio poter dire di aver indossato la fascia di capitano e di aver fatto parte della storia di questa straordinaria Società. Amo e sempre amerò questi color ed il mio cuore tiferà e griderà SEMPRE FORZA TOLMEZZO!

Con affetto, il “vostro” Grego

E' domenica 11 giugno la data scelta per ricordare Loris Pillinini nel Memorial a lui intitolato, giunto quest’anno alla 21.a edizione e dedicato alla categoria Esordienti. Teatro della manifestazioni saranno i campi dell’impianto “Fratelli Ermano”, dove si sfideranno le 6 squadre partecipanti: Azzurra Premariacco, Pontebbana, Tracentina, naturalmente il Tolmezzo e due squadre d’oltre confine, gli austriaci del Villach e gli sloveni dell’Isola. Nella locandina qui a fianco si può leggere il programma che prevede, durante tutta la durata della manifestazione,una raccolta fondi per l’A.D.M.O.

“So che c’è un gruppo che vorrebbe dare una mano, portare il proprio contributo in termini di idee, iniziative e qualche novità. Va bene, si faccia avanti: mi farebbe veramente piacere confrontarmi con queste persone. Posso garantire che chi si presenta con l’intenzione di fare il bene della società troverà sempre in me un interlocutore interessato e disposto ad accogliere ogni tipo di proposta”.
Con queste parole il presidente Lomuscio aveva commentato la serata dopo la sfortunata conclusione della stagione, culminata con la retrocessione in Promozione. Le parole del presidente hanno trovato la conferma dei fatti: nei giorni scorsi, infatti, il gruppo cui si faceva cenno quella sera ha definito l’ingresso in società. Nomi conosciuti, tra l’altro. Perché davvero crediamo che Enzo Zearo e Fausto Barburini non abbiano bisogno di presentazione. Sono loro, insomma, appoggiati anche da altre figure, che daranno una mano per programmare un ritorno il più rapido possibile in Eccellenza, il “posto” più adatto alla storia ed alla tradizione del sodalizio carnico.
Nessuna “cordata”, quindi, come erroneamente riportato qualche giorno fa da un quotidiano locale, che parlava di avvicendamenti e non di fattiva collaborazione come poi invece è successo.In tempi brevissimi verranno definite le strategie societarie, che prevedono, per i neo arrivati la gestione tecnica della prima squadre e della compagini (Allievi e Juniores) nell’orbita di questa. Questi affiancheranno il Consiglio Direttivo con Claudio Lomuscio che sarà ancora alla guida della società. In linea di massima la riconferma dovrebbe riguardare tutti i dirigenti e a tal proposito il presidente ha tenuto a precisare: “La retrocessione è stata una brutta botta per tutti, una delusione enorme. Sono stati commessi errori da parte di tutti, è ovvio, ma tutti hanno cercato di dare il meglio e di operare con la stessa diligenza e lo stesso attaccamento, valori , questi che ci hanno permesso, nell’ultimo decennio, di ottenere risultati eccellenti nonostante le enormi difficoltà. Per questo mi sento in dovere di ringraziare tutti ed in particolare Domenico Moro, al centro, negli ultimi giorni, di critiche davvero ingiuste".
Questo il pensiero di Lomuscio. Lo stesso Moro, però, pochi giorni fa si era detto deluso e pronto a farsi da parte, denotando amarezza e poco riconoscenza da parte di tutto l’ambiente.

E’ stata una serata di confronti, assunzioni di responsabilità, analisi e bilanci quella voluta dalla società nella serata di venerdì 12 maggio. La recente delusione per la retrocessione dall’Eccellenza dopo ben 17 anni, chiaramente, era palpabile, ma tra frasi retoriche, atti dovuti e comportamenti circostanziali qualcosa, alla fine, è emerso. C’erano praticamente tutti i protagonisti della sfortunata stagione, dal presidente Lomuscio, al suo vice Citran e tutti i diriegenti dell’area della prima squadra. Mancavano l’allenatore Sante Bernardo ed il giovane Stefano Fabris, ampiamente giustificati da un virus influenzale che li ha costretti a rimanere a casa.

A prendere la parola per primo, naturalmente, è stato il presidente Claudio Lomuscio, che ha tracciato il profilo della stagione, partendo dalla prima parte e ringraziando Gianluca Mascia per il lavoro svolto. Il presidente ha messo in evidenza le difficoltà del rapporto tra il tecnico tarvisiano ed una parte dello spogliatoio, difficoltà acuite da infortuni ed episodi sfortunati che di fatto hanno messo subito in salita la strada verso l’obiettivo salvezza tranquilla, una salvezza che poi, a conti fatti, è stata mancata per un punto. Ci son stati poi i ringraziamenti a Sante Bernardo, che di sicuro non ha avuto la fortuna che avrebbero meritato il suo impegno, lo spirito di sacrificio, la passione e la professionalità Il massimo dirigente ha concluso quindi il suo intervento dichiarandosi il primo responsabile di quanto successo, ma ha voluto sottolineare le difficoltà nella gestione di una società che può annoverare comunque oltre 200 tesserati ed ha dovuto fari i conti anche con vicende extracalcistiche. L’obiettivo dichiarato è quello di tornare immediatamente in Eccellenza e per farlo Lomuscio vorrebbe ripartire proprio dagli stessi giocatori ai quali è stata proposta la conferma.

E’ stata poi la volta dei giocatori a prendere la parola: anche Scarsini e compagni hanno concentrato i loro interventi sulle corresponsabilità di giocatori, dirigenti e tecnici. Di particolare rilevanza e soprattutto degni di una profonda analisi sono parsi gli interventi del preparatore Masieri, di Paolucci e Gregorutti che hanno sottolineato il fatto che in un prossimo futuro non ci siano margini per poter continuare il rapporto tra una parte del gruppo dirigenziale e buona parte dei giocatori. Particolarmente circostanziato e ben indirizzato è stato, in questo senso, l’intervento del preparatore dei portieri Luca Morocutti.

A chiudere gli interventi sono stati Domenico Moro e Santi Restifo. Moro è parso davvero deluso, non solo per l’esito finale della stagione, ma anche per l’assoluta cattiveria di alcune critiche nei suoi confronti. Critiche, ha precisato, che avrebbe accettato, cercando di trarne consigli utili al suo operato, se fossero state costruttive. “Sbaglia chi fa, chi prova a fare – ha detto Moro – e purtroppo in Carnia (ed essendo carnico la cosa non può che farmi dispiacere) sono molti, troppi, quelli che non fanno ma sono sempre pronti a scagliarsi contro chi cerca bene o male di fare il proprio lavoro”. Da Santi Restifo, infine, la solita spremuta di buon senso e ponderatezza nel rimarcare l’efficienza di un gruppo che ha cercato di lavorare sempre e solo nell’interesse della società e dei tesserati.

Dopo la cena offerta dalla società (cena tra l’altro davvero … d’ eccellenza) il presidente si è lasciato scappare qualche confidenza. “Non so – ha voluto precisare a chi sta scrivendo – se tutti hanno capito il senso del mio discorso. Secondo me non si deve buttare via il lavoro fatto in tutti questi anni, la gente che sta dando una mano e tutti quelli che in un modo o nell’altro sono vicini alla società. So che c’è un gruppo che vorrebbe dare una mano, portare il proprio contributo in termini di idee, iniziative e qualche novità. Va bene, si faccia avanti: mi farebbe veramente piacere confrontarmi con queste persone. Posso garantire che chi si presenta con l’intenzione di fare il bene della società troverà sempre in me un interlocutore interessato e disposto ad accogliere ogni tipo di proposta”.

Il 7 maggio 2017 è una giornata triste per il calcio a Tolmezzo: dopo 17 anni si retrocede. E lo si fa nel peggiore dei modi, consegnandosi ad un avversario che ha meritato di vincere, perché ha giocato con la voglia, la freschezza atletica, la capacità di restare concentrato e con la feroce determinazione che ti dà il fatto, certe volte, di patire nettamente sfavorito. Noi, che venivamo da due vittorie consecutive e da prestazioni anche convincenti, ci siamo come sciolti, liquefatti, autoesclusi. L’Union Pasiano (che per ironia della sorte aveva le nostre maglie dello scorso anno) sembrava noi, mettendo in mostra proprio quella armi che in tutti questi anni ci avevano consentito di restare nell’elite del calcio regionale, a dispetto di un budget nettamente inferiore a molte altre protagoniste della categoria,ad un bacino d’utenza confinato a ridosso delle montagne dove sei costretto a fare con quello che hai, puntando forte sul senso di appartenenza e su quel carattere geneticamente forte che sembra avere la gente di quassù.

Ce la siamo giocata male insomma, dopo che per settimane avevamo inseguito (a salvezza diretta compromessa) un play out da disputare in casa, possibilmente con l’Union Pasiano che sembrava la squadra più abbordabile dopo un girone di ritorno in cui aveva sperperato tutto il bene fatto in quello di andata. Ecco, dovevamo invece tenere bene in mente quel girone d’andata, perché in quel girone i nostri avversari avevano fatto vedere che avevano un’anima. E proprio come oggi, all’andata vennero su e vinsero, e proprio come oggi su una palla inattiva (quella volta una punizione di Corazza, oggi due colpi su azione da angolo di Pase, uno che fino a sette anni fa sembrava destinato al ciclismo e che si è scoperto goleador proprio quassù in Carnia, patria dello Zoncolan …). Le palle inattive, insomma, sono state il nostro problema: le loro o forse … le nostre, nel senso che non le abbiamo mai usate ed invece in partite del genere serve più il carattere che il genio, la carica agonistica che la classe … Non so veramente cosa scrivere: onestamente mi ero preparato un altro articolo, ci credevo, insomma, volevo fare commenti di tutt’altro genere, pagelle come quelle di quelli bravi a scuola e invece niente, nonostante tanti anni che seguo il calcio davvero non riesco a spiegarmela una partita così. Eravamo giù fisicamente? Puntavamo allo 0 a 0? Dove, come e quando abbiamo sbagliato? Viene solo tanta rabbia a pensare che avevamo recuperato 12 punti proprio all’Union e 9 al Vesna e ora siamo qui a farci mille domande. I punti persi all’inizio? Quelli scialacquati in tanti disgraziati minuti finali? Quello 0 a 0 all’andata contro un’Itala San Marco dimessa e già pronta ad andare dritta dritta verso l’inevitabile retrocessione diretta? Inutile stare qui a parlare, a cercare di capire, a fare processi che andranno fatti, è certo, ma non adesso, perché ora la delusione è grande. Tutti hanno la ricetta giusta: è colpa di Mascia, è colpa della società, è colpa di Gregorutti che ha disputato la peggior stagione da quando è a Tolmezzo, è colpa di Nutta e delle incertezze delle prime giornate, è colpa dei fuoriquota non all’altezza, è colpa, è colpa, è colpa … No, signori, le vittorie e le sconfitte sono del gruppo, perché il calcio è un gioco di squadra. Tutte le persone che fanno parte del Tolmezzo, dai giocatori, ai tecnici ai dirigenti sanno benissimo dove, come e quando hanno sbagliato. Come hanno sbagliato quelle persone che in questi anni hanno sempre criticato senza però portare un’idea, una parola di incoraggiamento, un euro o anche qualcosa di sé. Ognuno è libero naturalmente di fare le proprie scelte, ma se non si partecipa, se non si conosce da vicino la realtà delle cose, se non ci spende è inutile e scorretto criticare o sparare sentenze. Stiamo solo parlando di calcio, sia ben chiaro, ma di critici senza costrutto sono pieni molti settori della vita quotidiana, anche quelli che riguardano cose ben più importanti di una squadra di calcio.

Va bene, basta così, non me la sento di addentrarmi in commenti tecnici o distilare pagelle che sarebbero impietose. Abbiamo perso, siamo in Promozione e sarà dura ritornare subito in Eccellenza. Ora però non buttiamo via tutto: il campo, durante la settimana, è pieno di bambini che si allenano. Ripartiamo da loro.

Sante Bernardo ha solo l’imbarazzo della scelta, nel senso che saranno tutti a disposizione del tecnico per l’ultima sfida della stagione, quella decisiva, quella senza prova d’appello (fischio d'inizio di Marangone di Udine alle ore 16). Arriviamo al play out con l’Union Pasiano col morale alto per le ultime due vittorie, ottenute anche grazie a prestazioni confortanti. La condizione fisica non ha mai fatto difetto e quindi l’approccio al match dovrà necessariamente essere positivo. Certo, questo tipo di partite ha anche risvolti psicologici davvero imperscrutabili, perché basta veramente un niente, anche il dettaglio più insignificante per cambiare il corso delle cose. A termini di regolamento ricordiamo che siamo salvi con una vittoria o un pareggio anche dopo i supplementari: il che vuol dire prudenza, ma non attendismo, rispetto ma non paura. Saranno loro, i nostri avversari, a dover “fare” la partita e questo naturalmente li obbligherà a non far calcoli. Ma sono discorsi puramente teorici, perché, come detto, basta pochissimo per mischiare le carte in tavola.

La società, vista la concomitanza col campionato carnico, aveva chiesto di poter giocare il sabato, in modo da avere qualche presenza in più sugli spalti, ma la società pordenonese non ha accettato, in considerazione del fatto che aveva alcuni giocatori professionalmente impegnati per quella giornata. La speranza, comunque, è quella di vedere molta gente sulle tribune del “Fratelli Ermano”, perché la squadra ha il bisogno di sentire il calore e l’affetto della terra che rappresenta. Come nel 2014, quando in occasione dello spareggio col Rivignano eravamo in tanti a soffrire: poi arrivò il gol di Iuri a togliere la tensione, quello di Gregorutti a darci certezze e quello del loro 1 – 2 a farci palpitare nel finale, prima di una festa bella e giusta. Giusta, perché mantenere l’Eccellenza significa stare in alto, significa dare un senso al settore giovanile con effetti a cascata su tutto il movimento e questo sarebbe ora che lo capissero tutti, superando luoghi comuni e campanilismo, elementi che non portano da nessuna parte. Non sarà, magari, una categoria piuttosto che un’altra a cambiare i destini della Carnia, ci mancherebbe. Ecco, auguriamoci che questa … Eccellenza diventi il simbolo della nostra terra. Retorica? Demagogia? No, un augurio per la nostra gente.

19 punti nel girone di andata, 8 in quello di ritorno: squadra strana l'Union Pasiano che dopo un inizio di stagione in cui ha espresso anche un calcio di primo livello è crollata vertiginosamente. Ad un certo punto, a Pasiano, hanno provato anche a dare la scossa sollevando dalla panchina Franco Martin per fare posto all'ex calciatore professionista Giorgio Papais, soluzione durata solo qualche domenica fino al ritorno del tecnico che ha condotto in Eccellenza i viola. Union Pasiano con il dubbio portiere: far giocare il giovane Moras (che nell'ultimo periodo non ha dato grandi certezze, anzi) permettendosi così un veterano in più nei giocatori di movimento oppure schierare a difesa dei pali Zanchetta con un giovane di movimento? Un dubbio che Franco Martin probabilmente scioglierà solo alla vigilia del play-out. 4-3-1-2 il modulo utilizzato domenica dall'Union Pasiano che ha schierato Zanchetta tra i pali, il giovane Perlin e Faloppa in qualità di esterni bassi a fare da scudo si due centrali Pase e Rosolen. Ma attenzione perché domenica Franco Martin ritroverà, dopo aver scontato la squalifica, il veterano Guernier che ritroverà il suo posto di centrale di difesa. Probabile, quindi, il sacrificato possa essere Faloppa con lo spostamento a sinistra di Rosolen. davanti alla difesa Carolo con al suo fianco la forza di Pezzutto e la classe di Corazza; un trio che difficilmente sarà riproposto domenica in Carnia visto il rientro certo tra i titolari di Ortolan, uno tra i migliori talenti pordenonesi tenuto precauzionalmente fuori domenica in quanto diffidato. Possibile un suo inserimento al posto di Carolo e conseguente arretramento di Pezzutto nel ruolo di play-maker. Ruolo del trequartista affidato a Montagner il quale dovrebbe agire alle spalle degli attaccanti Borda (tenuto anche lui a riposo domenica) e Corazza con quest'ultimo che potrebbe agire qualche metro più indietro andando ad allinearsi al trequartista.

Dopo la laurea di “grande difensore” conquistata sui campi di tutta la Regione in una ancora breve ma già brillante carriera calcistica, Luca Iuri, nella giornata di venerdì 28 aprile 2017 ha conseguito anche la laurea “vera” in “Scienze dei servizi giuridici pubblici e privati” con la votazione di 88/110, presso l’Università degli Studi di Udine, discutendo la tesi su “Il legittimo affidamento”.

Al “Duca”, diventato Dottore, le congratulazioni da parte di tutto il Tolmezzo calcio, con la speranza di poter festeggiare, a breve, tutti insieme un altro traguardo …

Complimenti, Dottore!

Pagina 1 di 62
UA-54400219-1